top of page

Michele Guerrini: "Gioco meglio quando ho tanta voglia e IPS San Marino è imperdibile! Ci sarò!"



Ha appena centrato una bandierina all’Euro Poker Million andato in archivio ormai una decina di giorni fa a soprattutto ha sfiorato una picca al 1.100 Hyper Turbo e si è piazzato terzo ad un altro format simile sempre a Barcellona vincendo oltre 26mila euro per un totale di quattro cash e molto di più in cassa. È anche uno degli storici vincitori di IPO nel gennaio del 2016. E non mancherà alla 49esima edizione dell’Italian Poker Sport in programma dall’8 al 20 settembre in quel di San Marino presso la Giochi del Titano, che ha già raggiunto la bellezza di 1.000 registrazioni.

In molti avranno capito che stiamo parlando di Michele Guerrini, toscano doc, di Firenze. “Sì, ad Ips San Marino ci sarò al 100 percento. Dovrei arrivare il 15 settembre per giocare la seconda fascia di day1. Un torneo da 500mila euro garantiti in Italia fa sempre gola, soprattutto rapportato a un buy-in abbastanza abbordabile per tutti. La struttura può solo che piacere essendo strutturato su 4 day, dovrebbe essere molto giocabile. Per quanto riguarda la location, per me come per tanti altri, arrivando da Firenze San Marino è molto comoda visto che sono poco più di 2 ore di macchina”.

Ti abbiamo visto on fire ultimamente e anche se sei sempre un giocatore all'attacco mi sembri molto maturato, è cambiato qualcosa nel tuo stile di gioco? Hai studiato, continui a studiare o come approfondisci il tuo gioco? “La cosa che è cambiata principalmente è che gioco solo ed esclusivamente se ho particolare voglia e questo fa sì che io riesca a esprimere il meglio - spiega Michele Guerrini - non sono mai stato un fan dello studiare sui programmi. Ma comunque sono in continuo contatto con tanti ottimi giocatori e il confronto con loro è il mio metodo principale di miglioramento”.

A Barcellona hai centrato ottimi risultati com'è andata? “Beh, diciamo che tutti vedono i cash-out ma nessuno vede i buy-in. Sicuro poteva andare molto peggio, ma comunque siamo tornati a casa con più soldi di prima, e durante i festival Ept non è mai poco”.

Come lo vedi il poker live, sembra sempre in crescita con numeri incredibili, cosa ne pensi? E cosa vorresti che gli organizzatori facessero per costruire il tuo torneo ideale? “Come tanti si aspettavano, dopo un periodo così prolungato di ‘reclusione’ causa Covid-19, è abbastanza normale che le persone avessero voglia di tornare alla normalità viaggiando e giocando live, cosa che ci è stata negata per più di 2 anni. L’unica cosa che mi sento di dire riguardo all’organizzazione di un buon torneo, oltre alla struttura in se per se, dovrebbe esserci un buon bilanciamento tra tempo giocato e pause. Spesso ci troviamo a far maratone da oltre 12 ore senza nemmeno una pausa cena. Va bene che amiamo tanto giocare e stare al tavolo, ma ancora non siamo dei robot”, chiude scherzando super Micky Guerrini.




87 visualizzazioni0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
bottom of page