top of page

Road to IPS Rozvadov, Brunato (King's): 'Finalmente torna l'Italian Poker Sport! Sarà un evento top'




“C’è una grande attesa per il ritorno dell’Italian Poker Sport al King’s Resort di Rozvadov, il primo torneo da 500mila euro garantiti per 250 euro di buy in, il format preferito da tanti players che frequentano le nostre sale. E ci aspettiamo un grande risultato con tantissime presenze vista l’attesa febbrile che anticipa l’evento”. Sono le parole di Federico Brunato, poker director del King’s Resort di Rozvadov, che fanno il paio con quelle di Antony Angeloni, ceo di Euro Rounders, che quasi contemporaneamente a questa intervista, ha bloccato le prenotazioni per un evento che ha già raggiunto il cap a 500 entries al giorno per motivi di sicurezza legati alla situazione epidemiologica e alle norme locali.

Sarà, quindi, un grande evento con il ritorno in massa dei players italiani: “Torna l’Italia con mio grande piacere e mi stanno contattando fino a 10 persone al giorno differenti per prenotare il seat al tavolo e le stanze - spiega Brunato - è una delle maggiori richieste pre evento della storia dell’IPS a Rozvadov. E, come detto, sarà il primo format da 500k e 250 euro di buy in. L’opening è andato molto bene ma era un 400k con 200 euro di buy in. E questo evento ha una grande struttura, la migliore al mondo per questo rapporto garantito-buy in”.

La ripartenza è andata molto bene, 2.369 entries all’Opening, ma com’è stato tornare a lavorare? “Sembrava di non essersi mai fermati, di aver lavorato con la sala piena fino al giorno prima. Nei giorni precedenti nell’arena c’era una mostra di Ferrari di proprietà di Leon Tsoukernik e di alcuni suoi amici, quando abbiamo rimesso i tavoli nell’arena e al Day1C sono arrivate centinaia di players la sensazione è stata fortissima. La sala piena è sempre meravigliosa e sembrava davvero che il lockdown non fosse mai esistito”.

E i giocatori, come hanno reagito? “Abbiamo ricevuto molte manifestazioni d’affetto, i players erano felicissimi di tornare a giocare. Sono tornati anche molti clienti che non venivano più da un paio d’anni prima che arrivasse la pandemia. Molti hanno giocato online ma hanno assicurato che stare in mezzo agli avversari e giocare dal vivo è tutta un’altra cosa. Per fortuna!”.

Tornando all’IPS, le previsioni sembrano già chiuse dallo stop alle prenotazioni: “Sapevamo che i numeri sarebbero stati ottimi e di sicuro superiori all’ultimo IPS. Iniziamo questo evento che non vediamo l’ora di farne già un altro e guardiamo subito avanti!”.

Una seconda parte dell’anno tutta da giocare, anche grazie a IPS: “Sì perché ci saranno 5 ticket per il Wsop Europe main event in palio ai primi cinque classificati. L’evento è stato finalmente confermato e non vediamo l’ora di vederlo andare in scena, tanto quanto gli oltre 100 qualificati che hanno atteso un anno per sfidare i migliori giocatori del mondo”.

Un passaggio sulle norme di sicurezza che troveranno i players: “All’ingresso si entra solo con tampone negativo, con il pass vaccinale o se si ha già avuto il Covid-19. Le mascherine in sala non sono obbligatorie ma solo raccomandate come indica il nostro governo. Ma, come detto, chi entra in sala dovrebbe essere sano. Inoltre vanno avanti le vaccinazioni per il nostro personale che è al 40% già stato trattato tra prime e seconde dosi e chi non ha ricevuto il siero viene comunque sottoposto a tampone periodicamente”.

Le iniziative che dovevano partire con le riaperture come stanno andando? “Lo shop sta andando benissimo - assicura Brunato - è partito con l’Opening e non si sono più fermati. Sembra una boutique di lusso, il nostro direttore marketing e designer Karapet ha fatto un lavoro pazzesco. Sono prodotti di grande qualità che si possono acquistare anche online. Per chiudere tornando all’argomento dell’intervista speriamo di poter fare presto anche prodotti Euro Rounders e King’s!”.




258 visualizzazioni0 commenti
bottom of page